Colina e mal di testa

La colina è considerata una sostanza nutritiva essenziale per l’uomo e spesso raggruppata con le vitamine B a causa dei suoi effetti fisiologici. La colina è anche quella di sintetizzare il neurotrasmettitore acetilcolina, un messaggero del cervello coinvolto nelle funzioni più alte del cervello e nel controllo muscolare. Alcuni studi, soprattutto dagli anni ’80, hanno indicato che bassi livelli di colina nel flusso sanguigno sono legati a determinati tipi di emicrania.

La colina non è una vitamina, ma è una sostanza nutritiva essenziale che deve essere ottenuta da fonti dietetiche. Oltre a essere necessaria per la sintesi dell’acetilcolina nel cervello, la colina è una componente essenziale delle membrane cellulari e aiuta normalmente il funzionamento del fegato e della cistifellea, come citato in “Aspetti biochimici, fisiologici e molecolari dell’alimentazione umana”. Salute delle guaine mieliniche che coprono le fibre nervose e consentono una trasmissione efficiente dei segnali elettrici del cervello. Come tale, la colina è associata a funzioni cerebrali più alte, come la memoria, l’umore e la cognizione.

C’è qualche ricerca che collega bassi livelli di colina alle mal di testa cluster, gravi emicranie simili a emicrania che si verificano nei cluster prevedibili per molti giorni. Uno studio pubblicato in una edizione del 1984 del “British Medical Journal” ha rilevato che i livelli di colina rossi nei soggetti affetti da mal di testa di cluster erano significativamente inferiori a un gruppo di controllo legato all’età. Inoltre, quando il litio è stato somministrato per alleviare il dolore, le concentrazioni di colina del paziente sono aumentate 78 volte al di sopra del livello di controllo, indicando una relazione causa-effetto. Alcuni operatori sanitari hanno fatto la correlazione tra i livelli elevati di colina e la ridotta incidenza di tutti i tipi di emicrania, ma non tutte le varietà di emicrania hanno gli stessi trigger o coinvolgono la stessa biochimica, come citato in “Il meccanismo e la gestione della mal di testa”.

Non ci sono raccomandazioni alimentari della FDA per la colina, ma ha un’adattazione adeguata, che è 425 mg al giorno per le donne e 550 mg per gli uomini. La colina si trova in molti alimenti, in particolare fegato di manzo, uova, pesce, pollo, latte, cavolfiore, spinaci e germe di grano. La colina non può essere presa direttamente come integratore alimentare, per cui lecitina è raccomandata come sostituto. Per coloro che soffrono di mal di testa, in particolare le emicranie e le varietà di cluster, completando con lecitina, potrebbe essere un esperimento benefico, in quanto è completamente sicuro senza effetti collaterali noti.

La colina si trova in molti cibi, ma quelli che si allontanano dalle carni e dalle uova sono a rischio di carenza. Oltre alle mal di testa del cluster, la carenza di colina è stata associata a malattie epatiche, ridotta funzionalità renale, disturbi neurologici, carenze di memoria, infertilità, alta pressione sanguigna, torsioni muscolari, anomalie ossee e la promozione del cancro, come citato in “Biochimica umana e malattia “.

Colina

Colin e Cluster Headaches

Raccomandazioni di Colina

Emissioni